Monthly Archives: June 2014

Send Away The Tigers B-sides – Manic Street Preachers

Forse il segreto del mistero di Send Away The Tigers sta nei suoi B-sides. In base all’ordine alfabetico, una delle ultime cose che racconterò su Autobiografia Di Una Testa sarà come ho conosciuto i Manic Street Preachers. Ma, dopo averli … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Send Away The Tigers – Manic Street Preachers

Quando stava per uscire Journal For Plague Lovers io feci di tutto per non ascoltarlo, aspettando che mi arrivasse a casa autografato dalla band. Pippi invece, all’epoca l’unica persona a cui ero riuscito a farli conoscere ed apprezzare, lo ascoltò … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Selling England By The Pound – Genesis

Nella metà sinistra dello schermo si vede una ragazzina, una liceale, che traduce versioni di greco a casa delle sue compagne di classe fino a tarda notte. Sul piatto del vinile sta girando Selling England By The Pound dei Genesis, … Continue reading

Posted in Uncategorized | Tagged | Leave a comment

Screamadelica – Primal Scream

Considerato uno dei dischi più belli della storia della musica, per me non lo è affatto. Ha qualche canzone molto bella (l’esplosione iniziale di Movin’ On Up, il groove spettacolare di Slip Inside This House, il ritmo dance super vintage … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Safari – Jovanotti

Non ci metto la mano sul fuoco, ma credo che il secondo disco con cui feci il “primo ascolto condiviso” lo ascoltai con la stessa persona con cui avevo ascoltato il primo, cioè Gra. Solo che stavolta non eravamo a … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

S-low – Marlene Kuntz

Quando possedevo soltanto due dischi dei Marlene (quindi prima di avere anche il terzo e ultimo, ultimo tra quelli che ho) avevo elaborato una teoria sul perchè mi risultasse difficile ascoltarli. Avevo condiviso Bianco Sporco con la fase “positiva” del … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Rough Travel For A Rare Thing – Bill Callahan

Qualche anno fa avevo voglia di musica nuova, e solitamente, in assenza di qualcuno che mi suggerisca, la musica la scopro per “collaborazioni”. Ovvero, se mi piace un gruppo/artista, cerco di capire con chi hanno collaborato e mi muovo in … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment